28 febbraio 2013

La costituzione e l'articolo 36

La Costituzione è l'insieme delle leggi fondamentali che regolano l'organizzazione e la struttura di uno Stato.
La Costituzione della Repubblica Italiana è stata approvata dall'Assemblea Costituente, eletta dal popolo italiano dopo un ventennio di dittatura, è stata promulgata  dal Capo provvisorio dello Stato, Enrico De Nicola, è entrata in vigore il 1 gennaio 1948 ed è, almeno in linea teorica, tuttora in vigore.

[caption id="" align="alignright" width="240"]costituzione Enrico De Nicola firma la Costituzione italiana. 22 dicembre 1947[/caption]

La Costituzione italiana è una costituzione rigida (può essere modificata solo dopo due successive deliberazioni delle Camere, a intervallo non minore di tre mesi... dura lex sed lex). Una caratteristica importante della Costituzione è che tutte le altre leggi dovrebbero conformarsi ad essa e non contraddirne lo spirito.

Per esempio l'articolo 36 della Costituzione italiana recita:
Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa.

La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge.

Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi.

Quindi la Costituzione dice che abbiamo diritto a ferie retribuite, al riposo settimanale e ad un salario adeguato ad assicurare un'esistenza dignitosa a noi ed alla nostra famiglia. Questi diritti, insieme ai nostri doveri, sono riportati nei contratti collettivi nazionali, che nascono da accordi tra le parti (i sindacati, che avrebbero l'obiettivo di tutelare gli interessi dei lavoratori, e le associazioni degli imprenditori). La durata massima della giornata lavorativa è pari a 8 ore di lavoro al giorno e 48 ore settimanali.

2 commenti:

  1. Chi ha un CONTRATTO A PROGETTO non gode dell'art.36.

    RispondiElimina
  2. "Una caratteristica importante della Costituzione è che tutte le altre leggi dovrebbero conformarsi ad essa e non contraddirne lo spirito"

    RispondiElimina

commenta